Misure del Regno Unito per sostenere le PMI durante la crisi di Covid-19 e il ruolo dei fondi di investimento

Blog Single

La pandemia di Coronavirus Disease 2019 (COVID-19) pone minacce economiche senza precedenti in tutto il mondo. Le misure di blocco sempre più severe attuate nella maggior parte dei paesi per controllare la malattia hanno provocato impatti repentini e preoccupanti su vaste aree dell'economia ovunque. Nel Regno Unito, molti settori e industrie sono stati costretti a ridurre notevolmente, o in molti casi a cessare definitivamente, l'attività economica mentre si sviluppa la crisi.

Gli impatti immediati delle misure adottate sono particolarmente acuti per le piccole e medie imprese (PMI), poiché tali imprese spesso dispongono di risorse più limitate rispetto alle grandi aziende per gestire aumenti prolungati dei costi e interruzioni del flusso di cassa. Di conseguenza, per molte aziende del Regno Unito la crisi sanitaria in atto si è rapidamente trasformata in una crisi del reddito.

Fortunatamente, il governo del Regno Unito ha riconosciuto questa minaccia in tempo e ha annunciato un numero significativo di misure di sostegno economico per mitigare gli effetti negativi. La natura accelerata della crisi e la risposta del governo sono dimostrate dal fatto che, mentre il bilancio del Regno Unito pubblicato l'11 marzo 2020 includeva 12 miliardi di sterline di misure relative a COVID-19, meno di una settimana dopo (il 17 marzo 2020 ) il cancelliere Rishi Sunak ha annunciato un pacchetto di prestiti garantiti dallo Stato che ha reso disponibili £ 330 miliardi iniziali di garanzie - equivalenti a ca. 15% del PIL del Regno Unito. Da allora, c'è stato un flusso costante di ulteriori annunci di misure progettate per alleviare l'impatto immediato di COVID-19 sull'economia del Regno Unito.

Si noti che questo articolo si concentra sulle misure attuate in Inghilterra. Alcuni elementi di regolamentazione, e quindi il sostegno alle imprese, sono trasferiti alle autorità competenti in Scozia, Galles e Irlanda del Nord e i sistemi disponibili possono differire da quelli disponibili in Inghilterra.

Schema di prestito per interruzione dell'attività commerciale di Coronavirus (CBILS)

Questo regime temporaneo mira a sostenere le PMI con un fatturato annuo inferiore a £ 45 milioni che subiscono maggiori costi o interruzioni del flusso di cassa a causa di COVID-19, facilitando l’accesso a prestiti, scoperti di conto, finanziamenti di fatture e finanziamenti patrimoniali fino a £ 5 milioni per impianto . È supportato dalla British Business Bank di proprietà statale e consegnato tramite 40 istituti di credito commerciali accreditati (che includono tutte le principali banche del Regno Unito).

Il CBILS lavora fornendo ai finanziatori una garanzia del governo dell’80% di ogni prestito (soggetto a limiti per-prestatore sui crediti) allo scopo di infondere fiducia nei finanziatori per continuare a estendere i finanziamenti alle PMI durante la crisi. Le decisioni di prestito rimangono decisioni commerciali dei finanziatori e i mutuatari sono responsabili per l’intero importo erogato nell’ambito delle strutture CBILS. I rimborsi possono essere distribuiti su sei anni.

Per ridurre i costi anticipati e garantire rimborsi iniziali inferiori, il governo ha anche annunciato un “pagamento di interruzione dell’attività” per coprire i primi 12 mesi di pagamenti di interessi e commissioni riscosse dai finanziatori nell’ambito delle strutture CBILS. Inoltre, non vi è alcun costo per le imprese per accedere al sistema e il governo del Regno Unito ha annunciato che i debitori e i finanziatori non verranno addebitati per la garanzia.

Per poter beneficiare del regime, le imprese devono:

• avere sede nel Regno Unito e avere ricavi inferiori a £ 45 milioni all’anno; e

• avere una proposta di prestito che il prestatore:

o considererebbe fattibile, se non fosse per la crisi COVID-19; e

o consentirà al mutuatario di compensare qualsiasi difficoltà a breve o medio termine.

Il CBILS è disponibile per le PMI in tutti i settori dell’economia, ad eccezione di banche e società di costruzione, assicuratori e riassicuratori (ma non broker assicurativi), organizzazioni del settore pubblico, datori di lavoro, organizzazioni professionali, religiose o politiche e sindacati.

Le regole complete del regime e l’elenco dei finanziatori accreditati sono disponibili sul sito web della British Business Bank.

Sgravio obbligatorio per malattia per le PMI con meno di 250 dipendenti

Nel Regno Unito, la retribuzione obbligatoria per malattia (SSP) è versata dai datori di lavoro a dipendenti ammissibili che sono senza lavoro a causa di malattia per più di quattro giorni consecutivi (ma meno di 28 settimane) e che normalmente pagano i contributi dell'assicurazione nazionale. SSP è fissato a £ 94,25 a settimana per l'anno fiscale 2019/2020 e £ 95,85 per l'anno fiscale 2020/2021.

Al fine di sostenere le PMI durante l'attuale crisi, il governo ha annunciato una legislazione che consente alle PMI di reclamare l’ SSP pagato per l'assenza sul posto di lavoro dovuta a malattia dovuta a COVID-19.

Per beneficiare di questo aiuto, le imprese devono avere sede nel Regno Unito e devono impiegare meno di 250 dipendenti (misurati al 28 febbraio 2020). Il governo ha annunciato che questo sgravio coprirà fino a due settimane di SSP per dipendente ammissibile e consentirà ai datori di lavoro di recuperare le spese per qualsiasi dipendente che abbia richiesto SSP a seguito di COVID-19.

L'annuncio del governo afferma che i datori di lavoro dovrebbero tenere registri di tutte le assenze e pagamenti del personale dell’ SSP, ma chiarisce che i dipendenti non dovranno fornire prove sotto forma di note idonee (cioè, dichiarazioni di idoneità al lavoro) da un medico di famiglia o da un medico ospedaliero.

I meccanismi precisi di quello che dovrebbe essere un sistema di sconti non sono ancora disponibili, ma il governo ha annunciato che collaborerà con i datori di lavoro nei prossimi mesi per istituire un meccanismo di rimborso.

Fondo di sovvenzione per piccole imprese

Ai sensi del Fondo per le piccole imprese (SBGF), tutte le imprese che beneficiano dell’agevolazione delle tariffe per le piccole imprese pre-COVID-19 e dell’agevolazione delle tariffe rurali pre-COVID-19 nel sistema delle tariffe delle imprese l’11 marzo 2020 potranno beneficiare di una- pagamento di £ 10.000 per proprietà (a condizione che si tratti di un’azienda che occupa almeno una proprietà). Sono idonee anche le attività commerciali le cui proprietà hanno un valore imponibile compreso tra £ 12.000 e £ 15.000 e ricevono riduzioni ridotte delle tariffe commerciali.

Le proprietà con un valore imponibile di oltre £ 51.000 sono escluse così come le proprietà utilizzate per uso personale o parcheggi e parcheggi. L’emissione delle sovvenzioni è inoltre soggetta ad eventuali limiti applicabili degli aiuti di Stato dell’UE, ma, date le dimensioni della maggior parte delle PMI, ciò si applicherebbe a una piccola minoranza di sovvenzioni.

Non è necessario che le imprese idonee facciano domanda per ricevere la sovvenzione SBGF – le loro autorità locali scriveranno loro informandole se sono ammissibili. Il beneficiario ammissibile della sovvenzione è la persona che, secondo i registri delle autorità locali, è stata il contribuente nei confronti di una proprietà pertinente l’11 marzo 2020.

Schema di sovvenzione al dettaglio e per ospitalità

Il regime di sovvenzione al dettaglio e per l'ospitalità prevede un pagamento una tantum di £ 25.000 per le imprese al dettaglio, l'ospitalità e il tempo libero per proprietà, a condizione che l'11 marzo 2020 le proprietà abbiano un valore imponibile compreso tra £ 15.000 e £ 51.000. Le imprese in questi settori con un la proprietà che ha un valore imponibile fino a £ 15.000 riceverà una sovvenzione di £ 10.000 per tale proprietà. Le imprese che dovrebbero beneficiare di questo regime saranno quelle che hanno proprietà che sono utilizzate interamente o principalmente come negozi, ristoranti, caffè, locali per bere, cinema e locali di musica dal vivo, per assemblaggio e svago o come hotel, strutture per ospiti e imbarchi e alloggi con angolo cottura.

Come nel caso del fondo per le piccole imprese, le proprietà utilizzate per uso personale sono escluse così come i parcheggi. L'emissione delle sovvenzioni è inoltre soggetta ad eventuali limiti applicabili degli aiuti di Stato dell'UE.

Non è necessario che le imprese idonee facciano domanda per ricevere la sovvenzione - le loro autorità locali scriveranno loro informandole se sono ammissibili. Il beneficiario ammissibile della sovvenzione è la persona che, secondo i registri delle autorità locali, è stata il contribuente nei confronti di una proprietà pertinente l'11 marzo 2020.

Tariffe business vacanza per negozi, ospitalità e attività ricreative

Il governo ha annunciato una festività per le tariffe commerciali per le imprese al dettaglio, l’ospitalità e il tempo libero in Inghilterra per gli anni fiscali dal 2019/2020 al 2020/2021. Le imprese che hanno ricevuto lo sconto al dettaglio in questi anni fiscali saranno rimborsate dalle autorità locali.

Per qualificarsi, le imprese devono avere sede in Inghilterra e operare nei settori della vendita al dettaglio, dell’ospitalità e / o del tempo libero. Le proprietà che beneficeranno del rilievo devono essere “eredità” occupate (vale a dire, proprietà che possono essere ereditate) che sono utilizzate interamente o principalmente come negozi, ristoranti, caffetterie, locali per bere, cinema e locali di musica dal vivo; per il montaggio e il tempo libero; o come hotel, ospiti e locali di imbarco e alloggi con angolo cottura.

Non è necessario che le imprese ammissibili si applichino, con le modifiche che dovrebbero essere apportate per convocare le bollette fiscali nell’aprile 2020.

Programma di sostegno al reddito autonomo di Coronavirus

Pur non parlando strettamente alle PMI, il sistema di sostegno al reddito autonomo di Coronavirus può interessare i proprietari di PMI, in particolare quelli delle start-up.

Il regime si applica alle persone che percepiscono la maggior parte del proprio reddito da lavoro autonomo. HMRC stesso deciderà chi è idoneo e invierà un modulo online a coloro che ritiene idonei. Le persone ammissibili riceveranno una sovvenzione pagata direttamente sul loro conto bancario.

Il regime rispecchia in gran parte il Coronavirus Job Retention Scheme (CJRS) per i dipendenti, in quanto quelli ammissibili riceveranno un sussidio tassabile pari all'80% del reddito mensile medio, limitato a £ 2.500 al mese. Questo reddito verrà calcolato prendendo il reddito autonomo medio dell'individuo negli ultimi tre anni. A differenza di quelli in congedo per motivi di congedo (che devono interrompere completamente il lavoro), i lavoratori autonomi possono richiedere tali contributi e continuare a fare affari.

Lo schema è limitato a quelli con profitti commerciali fino a £ 50.000, che secondo il governo significa che ca. Il 95% dei lavoratori autonomi può trarne vantaggio. Per ridurre al minimo le frodi, il regime si applicherà solo a coloro che hanno presentato una dichiarazione dei redditi per il 2019, tuttavia, coloro che non hanno presentato la dichiarazione dei redditi entro la data di scadenza del 31 gennaio 2020 e non ne hanno ancora presentato una, hanno tempo fino al 23 aprile 2020 presentare una dichiarazione dei redditi per il 2019.

Come per il CJRS, il regime di sostegno al reddito da lavoro autonomo di Coronavirus sarà aperto per i primi tre mesi, con possibilità di estensione qualora il governo lo ritenga necessario. Tuttavia, il Cancelliere ha confermato che la creazione del regime sarebbe "operativamente complicata" e quindi potrebbe non essere operativo prima della fine di giugno.

Investimenti da fondi di private equity

Per le imprese che non sono ammissibili a nessuno dei regimi sopra elencati o in aggiunta a una delle misure descritte, dopo questa crisi potrebbero essere disponibili fonti alternative di iniezione di liquidità. La buona notizia è che gli acquirenti di private equity non hanno mai avuto così tanti soldi da mettere al lavoro e stanno già cercando di fare nuovi investimenti in società che sopravvivranno ai blocchi.

Mentre i governi sono impegnati a tenere insieme le società e le economie e le banche centrali stanno proteggendo i sistemi finanziari, questi acquirenti privati ​​di denaro contante sono uno dei principali driver di qualsiasi cosa accada successivamente.

Questo febbraio 2020, una ricerca pubblicata da Bain ha calcolato che, esaminando tutti i tipi di fondi per soci generali e soci accomandanti, il capitale non richiesto (che è aumentato dal 2012) aveva raggiunto $ 2,5 trilioni alla fine del 2019. Quei pali di cassa - che aumentano fino a febbraio di quest'anno sono stati un freno per i rendimenti degli sponsor - sono ora una fonte immensamente preziosa di performance future. Il private equity non è mai stato così ricco di liquidità. Le attività raramente sono state così economiche. Questa è una situazione vantaggiosa per tutti coloro che possono sfruttare al meglio questa straordinaria combinazione.

Share this Post: