Brexit: quale impatto avrà sulle finanze delle piccole imprese britanniche?

Blog Single

Manca meno di un mese e non è ancora chiaro come sarà la Brexit - o anche se succederà davvero il 29 marzo!

In questo clima di grande incertezza come stanno andando le piccole e medie imprese del Regno Unito? La Brexit sarà una forza distruttiva per il bene o per il male? E dove le aziende sentiranno maggiormente il loro impatto?

La Brexit ha il potenziale per riscrivere radicalmente il regolamento che regola il modo in cui le aziende fanno affari nel Regno Unito e in Europa. Data l'entità del cambiamento e l'enorme numero di trattati e regolamenti che devono essere nuovamente discussi, la Brexit ha chiaramente il potenziale per aumentare il caos e l'incertezza, che possono avere conseguenze dannose per l'economia in generale.

Prima del referendum di giugno 2016, il Regno Unito era una delle economie in più rapida crescita nel G7. Alla fine del 2018, era la più lenta. Sebbene il Fondo Monetario Internazionale abbia previsto che il Regno Unito continuerà a crescere ad un tasso di poco superiore all'1,5% nei prossimi anni, la sua previsione si basa sul presupposto che il Regno Unito lasci l'UE in modo ordinato, con un ampio libero accordo di scambio con l'UE. Purtroppo, sappiamo tutti che siamo ancora lontani da ciò, almeno per il 29 marzo!


Finanza e crescita

La finanza e la crescita sono alcune delle maggiori preoccupazioni tra le persone che cercano di prevedere gli effetti Brexit. La finanza sostenibile e conveniente è alla base della crescita del business. La Banca d'Inghilterra ritiene che le banche del Regno Unito siano abbastanza forti da sopravvivere a una Brexit disordinata, tuttavia un periodo di turbolenze nei mercati potrebbe portare a prestiti limitati alle piccole imprese.

Consapevole del potenziale impatto della Brexit sui finanziamenti alle piccole imprese, il governo del Regno Unito si è impegnato a istituire un fondo di prosperità condivisa nel Regno Unito (UKSPF). Lo UKSPF mira ad affrontare la disuguaglianza sociale aumentando la produttività, in particolare nelle aree meno avanzate dal punto di vista economico del paese.

Dal 1994, il Fondo europeo per gli investimenti (FEI) ha messo in comune miliardi nell'economia. Ciò ha contribuito a promuovere l'innovazione e la crescita delle piccole e medie imprese nell'UE. Il FEI non presta denaro direttamente alle piccole imprese ma fornisce finanziamenti attraverso le banche. Finora le società del Regno Unito hanno ricevuto circa 2 miliardi di sterline dal FEI. Dopo l'uscita, questa fonte di finanziamento sarà molto probabilmente persa.


Hard Brexit o Soft Brexit?

Un hard Brexit, favorito da alcuni membri dell'attuale governo, potrebbe avere un impatto negativo ancor più significativo sugli investimenti esteri diretti (IED) nel Regno Unito.

In una recente ricerca, accademici della Business School della Sheffield University hanno valutato i diversi esiti possibili dei negoziati sulla Brexit e il potenziale impatto che avrebbero sugli IED nel Regno Unito.

Hanno esaminato quattro potenziali scenari inclusi i modelli correnti utilizzati in Svizzera; il modello norvegese all'interno dello Spazio economico europeo (SEE); un accordo di libero scambio (ALS) o l'opzione di ripiego dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC), che sarebbe il rapporto più libero con l'UE.

La ricerca ha concluso che una Brexit dura, il risultato dell'OMC, potrebbe portare al 15-20% in meno di IED nel Regno Unito per un periodo di 15 anni. L'impatto negativo di una Brexit più morbida, con il risultato AEA, sarebbe nell'intervallo del 5-10%, mentre con un risultato in stile svizzero o FTA l'impatto negativo sarebbe nell'intervallo del 10-15%.

La Brexit potrebbe anche avere un impatto significativo sull'innovazione. Una minore crescita economica, a seguito di un calo della domanda di beni del Regno Unito o di un calo degli investimenti in beni del Regno Unito, potrebbe portare a minori opportunità di innovazione. Inoltre, i potenziali innovatori nel Regno Unito sono molto meno propensi a ricevere i finanziamenti che richiedono, il che significa che le loro imprese rimarranno semplici pensieri nel pool di pensiero innovativo. Non è un caso che le aziende che sembrano più preoccupate da Brexit siano innovatrici orientate alla crescita, aziende orientate all'esportazione e orientate all'importazione focalizzate sull'alta produttività.

Nonostante questa triste situazione, riteniamo che Brexit offra opportunità di crescita per le PMI. Ad esempio, stiamo assistendo a una serie di piccole e medie imprese che aprono uffici in altri paesi dell'UE, rendendo più facile per loro conquistare nuovi mercati e accedere a nuovi pool di talenti. Anche la Brexit (o la paura della Brexit) sta avendo un vantaggio positivo su alcune aziende, a causa dei produttori che accumulano sia materie prime che prodotti finiti.


Tre passi per la preparazione al Brexit

Rispetto alle grandi aziende, le piccole imprese sono più adattabili e reattive. Pertanto, di solito stanno meglio in tempi di sconvolgimento come Brexit. Tuttavia, le imprese più piccole tendono anche a detenere fondi di contingenza più piccoli e potrebbero trovare più difficile accedere ai finanziamenti per un'emergenza di cassa, rispetto a un'attività più ampia e più consolidata.

Mentre la gestione del flusso di cassa è sempre una necessità al centro delle piccole imprese, garantire che il flusso di cassa continui a scorrere nel 2019 e oltre potrebbe richiedere un'attenzione ancora maggiore e una grande dose di lungimiranza. Se si verifica una Brexit no-deal, requisiti di dogana e burocrazia aggiuntiva potrebbero estendere la sfida del flusso di cassa al suo limite.

Ecco tre passaggi che puoi implementare per preparare la tua attività alla Brexit:


1. Avvia la conversazione

Parla con il personale della tua azienda per chiedere cosa pensano che si dovrebbe fare per preparare i loro ruoli o dipartimenti per Brexit. Parla con i tuoi fornitori per chiedere che lavoro stanno facendo per prepararsi per Brexit e come potrebbero cambiare ciò che ti offrono.

Potresti persino parlare con i tuoi concorrenti o con le organizzazioni commerciali per vedere se hanno qualche consiglio che potrebbero voler condividere. Non pensare sia troppo presto per fare queste domande. I negoziati potrebbero continuare, ma hai solo pochi mesi prima che arrivi Brexit.


2. Iniziare a rivedere i processi

Quando parli con il personale potresti chiedere loro di documentare le loro procedure aziendali quotidiane, se non hai già queste informazioni.

I diagrammi di flusso o gli elenchi step-by-step sono un modo semplice per farlo e illustreranno le aree che potresti dover rivedere o modificare per soddisfare i nuovi requisiti di conformità Brexit.


3. Abbraccia l'incertezza

L'avventuriero e presentatore televisivo Bear Grylls dice che la chiave per sopravvivere è "improvvisare, adattare e superare". Con l'avvicinarsi della Brexit, non c'è dubbio che questo sia un buon consiglio per le imprese. Potrebbe essere necessario prendere decisioni rapide che potrebbero avere conseguenze a lungo termine ma, in definitiva, non c'è modo di prepararsi se non per essere informati. Devi rimanere adattabile e reattivo e essere sempre alla ricerca di opportunità.


In conclusione, le piccole imprese hanno sempre bisogno di stare al passo con il gioco sfruttando i vantaggi intrinsechi del mercato - questo è particolarmente vero e importante durante i periodi di turbolenza, e la Brexit non fa eccezione.



Share this Post: