Aggiornamento Brexit - Marzo 2020. Cosa è già cambiato e cosa cambierà?

Blog Single

Come tutti sappiamo, il Regno Unito ha lasciato ufficialmente l'Unione europea il 31 gennaio 2020, portando a termine 47 anni di appartenenza britannica all'UE e alle istituzioni che l'hanno preceduta.

L'attenzione si è ora rivolta alle future relazioni UE-Regno Unito, poiché entrambe le parti devono affrontare l'enorme sfida di un accordo commerciale in pochi mesi. Il periodo di transizione termina il 31 dicembre 2020.

Sin dal referendum del 2016, ci si è preoccupati che il processo acuto e prolungato abbia spostato l'attenzione dalle principali sfide globali, non da ultimo la battaglia per affrontare l'emergenza climatica. Per molti in Europa, la prospettiva di una frattura istituzionalizzata tra Regno Unito e UE indebolisce il continente in un momento in cui paesi del calibro di America, Cina e Russia stanno diventando sempre più assertivi.


Come stanno andando i negoziati?

All'inizio di marzo 2020 il Regno Unito e l'UE hanno avviato i negoziati su un nuovo accordo commerciale e sui termini delle loro relazioni future, riguardanti una vasta gamma di settori tra cui beni e servizi, pesca e agricoltura, cooperazione in materia di sicurezza, politica dei dati, istruzione e scienza.

Entrambe le parti hanno delineato posizioni nettamente contrastanti mentre flettevano i muscoli prima dei colloqui. Secondo quanto riferito, i funzionari di Bruxelles sono stati colti di sorpresa dalla posizione del governo di Boris Johnson, che sta cercando relazioni molto più distanti e indipendenti con l'UE rispetto a quella cercata dal precedente primo ministro britannico, Theresa May.

I leader dell'UE hanno chiesto un accordo di ampio respiro "ambizioso", soggetto a condizioni. Stabilendo la posizione dell'UE, il capo negoziatore Michel Barnier ha affermato che non ci sarebbe stato alcun accordo commerciale a meno che la Gran Bretagna non avesse concordato una "parità di condizioni" - un impegno incluso nell'accordo di divorzio UE-Regno Unito - e annullato le normative dell'UE.

Ma durante il periodo precedente ai colloqui Johnson, altri ministri e funzionari, hanno tutti messo in evidenza la posizione del Regno Unito: che essere in grado di divergere dalle norme e dagli standard dell'UE era l'essenza della Brexit e del "nuovo piano del Regno Unito come nazione sovrana indipendente".

In sostanza, la Gran Bretagna sta cercando un accordo di libero scambio più stretto simile a quello che l'UE ha concluso con paesi come il Canada. D'altra parte, Bruxelles sottolinea che è sempre stato chiaro che la vicinanza geografica del Regno Unito all'UE - e il grado di integrazione economica con l'Europa - significa che le stesse regole non possono essere applicate.

L'accordo di divorzio prevede una proroga di due anni del periodo di transizione per dare più tempo ai negoziati, ma il governo di Boris Johnson ha deciso di escluderlo. Il governo britannico sostiene che un accordo commerciale può essere raggiunto entro la fine del 2020 e ha minacciato di uscire presto dai colloqui a meno che non siano compiuti progressi sufficienti.

I critici affermano che la scadenza più breve non fornisce in nessun momento abbastanza tempo per concludere un accordo che abbraccia tutti gli aspetti delle future relazioni UE-Regno Unito. Una possibilità evocata è quella di stipulare un accordo commerciale più semplice e più "bare-bones", lasciando che i dettagli di altri settori politici vengano risolti in una fase successiva.

Ciò che preoccupa i mercati è che le linee rosse di entrambe le parti hanno sollevato il timore che nessun accordo potesse essere raggiunto, portando un brusco e dannoso climax alla fine del 2020 - una Brexit "no deal" dopo tutto?


La fine della libera circolazione

Uno dei primi cambiamenti introdotti dopo il divorzio con l'UE è l'introduzione di una nuova politica sull'immigrazione, che entrerà in vigore a partire dal gennaio 2021. I cittadini dell'UE non avranno più un trattamento preferenziale e verrà introdotto un nuovo sistema basato su punti per attirare lavoratori qualificati.

In base al nuovo sistema, i migranti dell'UE saranno trattati allo stesso modo di quelli del resto del mondo. Per ottenere un visto, i candidati provenienti da qualsiasi parte del mondo dovranno:

• Avere un'offerta di lavoro da un "datore di lavoro approvato" ad un "livello di abilità appropriato"

• Parlare inglese

Ciò porterà un candidato a 50 punti. Ma bisogna avere 70 punti per poter beneficiare di un visto. Il percorso più semplice per gli ultimi 20 punti è che il richiedente dovrà:

Guadagnare almeno £ 25.600 (ridotto dai £ 30.000 attualmente applicabili ai candidati extra UE). Ma è possibile anche guadagnare punti extra per avere qualifiche migliori (10 punti per un dottorato di ricerca rilevante; o 20 punti per un dottorato in scienze, tecnologia, ingegneria o matematica) o un'offerta di lavoro in cui il Regno Unito ha una carenza (20 punti ), anche se non guadagnano più denaro.


Date chiave nei negoziati futuri

Diamo un'occhiata alle date che plasmeranno il futuro delle relazioni UE-Regno Unito quest'anno. Tenete anche presente che il ministro del governo britannico Michael Gove ha suggerito che il prossimo round di colloqui sulla Brexit potrebbe essere annullato in seguito all'attuale crisi del Coronavirus.


Marzo 2020

Entrambe le parti desiderano che i colloqui sulle relazioni future UE-Regno Unito inizino rapidamente. Entrambe le parti concordano sul fatto che una priorità nei colloqui sarà quella di stipulare un accordo di libero scambio che sarà al centro delle loro nuove relazioni economiche future. L'UE e il Regno Unito hanno affermato che l'obiettivo dovrebbe essere un commercio di merci libero da quote e da tariffe.


Giugno 2020

Un tempo per il bilancio. Una dichiarazione politica UE-Regno Unito, concordata nell'ambito dell'accordo Brexit di Boris Johnson, afferma che un vertice dovrebbe aver luogo a giugno in modo che la Gran Bretagna e l'UE27 possano valutare lo stato di avanzamento dei colloqui.

Giugno è anche l'ultimo mese per la Gran Bretagna per richiedere una proroga del periodo di transizione oltre il 2020, cosa che Boris Johnson si è impegnata a non fare.


Luglio 2020

La dichiarazione politica che fa parte dell'accordo sulla Brexit di Johnson con l'UE impegna entrambe le parti a cercare un accordo entro il 1 ° luglio sull'accesso alle acque di pesca del Regno Unito per i pescatori europei. Le due parti hanno anche l'obiettivo di prendere decisioni sull'accesso ai rispettivi mercati dei servizi finanziari entro questa data. Bruxelles vede questo come un'altra fonte di leva nei negoziati, data l'importanza della City di Londra per l'economia del Regno Unito.

Novembre 2020

Funzionari dell'UE affermano che un accordo commerciale deve essere negoziato, verificato, tradotto e presentato al Parlamento europeo entro il 26 novembre, se deve essere ratificato entro la fine dell'anno. I deputati saranno a Strasburgo nell'ultima settimana di novembre per la penultima sessione plenaria del 2020. L'ultima, a metà dicembre, sarebbe arrivata troppo tardi per firmare un accordo con il Regno Unito.

I negoziatori dell'UE rilevano che, in pratica, ciò lascia solo circa sei mesi per negoziare politicamente con la Gran Bretagna.


Novembre 2020

Funzionari dell'UE affermano che un accordo commerciale deve essere negoziato, verificato, tradotto e presentato al Parlamento europeo entro il 26 novembre, se deve essere ratificato entro la fine dell'anno. I deputati saranno a Strasburgo nell'ultima settimana di novembre per la penultima sessione plenaria del 2020. L'ultima, a metà dicembre, sarebbe arrivata troppo tardi per firmare un accordo con il Regno Unito.

I negoziatori dell'UE rilevano che, in pratica, ciò lascia solo circa sei mesi per negoziare politicamente con la Gran Bretagna.


31 dicembre 2020

Il bordo della scogliera. Se un accordo commerciale non è in atto, la Gran Bretagna ricadrà sui termini di base dell'Organizzazione mondiale del commercio, il che significa tariffe sui beni e scarsa cooperazione pratica per facilitare i controlli alle frontiere. Il risultato sarebbe effettivamente lo stesso di una Brexit "no-deal" ed entrambe le parti dovrebbero prepararsi per far fronte alle conseguenze economiche nel 2021


Dopo il 2020

Nonostante la spinta a garantire un accordo entro la fine di quest'anno, i futuri negoziati sulle relazioni dovrebbero continuare dopo il 2020. Michel Barnier, il principale negoziatore dell'UE sulla Brexit, ha chiarito che non tutto può essere affrontato nel tempo rimanente e che in alcuni settori l'UE può adottare misure di stop-gap. Ha fornito esempi agli eurodeputati, incluso il trasporto aereo e su strada, in cui l'UE può semplicemente concedere temporaneamente permessi alla Gran Bretagna affinché le cose continuino normalmente. L'accordo commerciale di base potrebbe anche essere integrato da ulteriori accordi dopo il 2020, in particolare nel settore dei servizi, che sono così vitali per l'economia del Regno Unito.


Guardando al futuro ...

Dopo la Brexit ci saranno nuove opportunità per le società del Regno Unito e dell'UE. Ci sono primi segnali di una ripresa della crescita del Regno Unito. Il consumatore è in buona salute, mentre la crescita dei salari e le tendenze dei prezzi delle case sembrano positive. Tassi bassi e stimoli fiscali dovrebbero favorire anche la crescita economica.

Mentre le previsioni di crescita per il 2020 sono state ridotte allo 0,8% dalla precedente previsione dell'1,2% e non sappiamo quanto la crisi del coronavirus influenzerà le economie di tutto il mondo, il futuro non sembra troppo triste.

Per coloro che stavano pensando di aprire o investire in una società nel Regno Unito, questa è ancora un'opzione molto praticabile. Il Regno Unito dovrà attrarre un numero maggiore di aziende per sostenere la propria crescita e recuperare alcune delle attività perse a causa della Brexit. Potrebbero esserci anche alcuni buoni incentivi in ​​cantiere per gli investimenti esteri. Indipendentemente dai loro parametri legali, il Regno Unito è e continuerà ad essere uno dei mercati più sorprendenti e interessanti in cui è possibile operare.

Start-up e scale-up dall'Europa e dal resto del mondo continueranno a lavorare con il Regno Unito, data la vasta opportunità offerta. Con ancora più potere che risiede ora nella squadra di Boris Johnson, è molto probabile che il governo continuerà a incoraggiare l'innovazione e gli investimenti stranieri in Gran Bretagna. Di fronte alle avversità, ci sono sempre opportunità per quegli imprenditori esperti che lavorano il sistema a proprio vantaggio.

Share this Post: